Gli spazi confinanti e sospetti di inquinamento risultano presenti nella quasi totalità dei comparti produttivi, dal
chimico, all’agricoltura, ai trasporti e maggiori esempi sono: silos, serbatoi, tramogge, vasche di decantazione, reti fognarie, impianti di depurazione ecc.
Solitamente, gli spazi si presentano con le seguenti caratteristiche:
• accessibilità attraverso aperture limitate (es. passo d’uomo)
• ventilazione naturale fortemente sfavorita
• non sono progettati e realizzati per ospitare lavori in modo regolare e continuo.
Tutte queste attività devono essere espletate nel rispetto di quanto previsto dal DPR 177/2011.
A tal riguardo EcoBonifiche srl, ha certificato secondo le norme previste dai sistemi di gestione ISO 9001, ISO
14001 e ISO 18001, le procedure utilizzate per l’esecuzione delle predette attività.
I nostri operatori hanno seguito uno specifico corso di formazione, necessario per intervenire negli spazi confinanti
e continuano a seguire corsi di aggiornamento relativi alle procedure operative e di sicurezza che questi interventi richiedono.

Bonifica serbatoi
Il possesso di un serbatoio interrato, per lo stoccaggio di gasolio o di oli combustibili, implica l’obbligo di una corretta manutenzione che permetta di monitore lo stato della cisterna e verificarne l’integrità, in modo da prevenire
accidentali fuoriuscite dei liquidi contenuti che potrebbero portare all’inquinamento dei terreni e delle falde acquifere.
I nostri operatori, muniti di tutte le credenziali per operare in spazi confinati, seguono periodicamente, corsi di
formazione in tema di sicurezza e tecnica per queste tipologie di intervento, in modo da operare nella più completa
sicurezza personale e rispetto dell’ambiente. La prima operazione che effettuiamo è quella di pulizia interna della cisterna con detergenti specifici e aspirazione di tutti i residui presenti, successivamente, trasportati e smaltiti, a norma di legge, nei centri autorizzati.
Successivamente si effettua sempre una prova di tenuta con macchinari ad ultrasuoni.
Qualora, la cisterna dovesse avere falle e conseguente sversamento di liquido nel terreno, si procede attraverso
carotaggi effettuati nell’area limitrofa ad analizzare il terreno per capire fino a che profondità l’area è stata
contaminata. Successivamente si rimuove la cisterna ed il terreno inquinato sottostante.
Se l’operazione di bonifica non comporta la rimozione del serbatoio e non ci sono perdite si procede riempiendo con
materiali inerti (sabbia, argilla espansa, spaccato 0,70).

La nostra azienda opera nei seguenti paesi : Milano (Magenta, Sedriano, Vittuone, Arluno, Settimo Milanese, Corbetta, Cornaredo, Boffalora, Mesero, Bernate, Milano, Marcallo, Casone, Abbiategrasso, Albairate, Cisliano, Turbigo, Inveruno ecc.)

TAG: Spazi confinati – Bonifica serbatoi Corbetta, Spazi confinati – Bonifica serbatoi Magenta, Spazi confinati – Bonifica serbatoi Milano

Spazi confinati-Bonifica serbatoi Corbetta